Movio – Una mostra virtuale

L’opera di Augusto Guido Gatti (1863-1947) per l’insegnamento universitario di Luigi Adriano Milani (1854-1914) a Firenze. Una mostra virtuale.

Il disegnatore Augusto Guido Gatti ha predisposto le tavole per i corsi di archeologia tenuti dal Direttore del R. Museo Archeologico fiorentino e soprintendente, Luigi Adriano Milani, al R. Istituto di Studi Superiori Pratici e di Perfezionamento di Firenze. Si tratta di 136 cartoncini delle dimensioni di 50×67 cm su cui sono incollate illustrazioni sotto forma di disegni, per lo più eseguiti a china su carta lucida e spesso colorati ad acquerello o tempera; talvolta sono state usate anche fotografie e ritagli presi da pubblicazioni. Oltre all’anno di insegnamento (dal 1893-94 al 1910-11), le cosiddette tavole Milani riportano spesso il titolo e delle note manoscritte. Queste ultime specificano la provenienza e altre particolarità di un oggetto oppure fanno riferimento ai volumi a stampa da cui Gatti ha ricalcato o ritagliato le immagini.

L’intero apparato didattico, conservato presso la Biblioteca Umanistica dell’Università degli Studi di Firenze, è disponibile online (https://onesearch.unifi.it/primo-explore/collectionDiscovery?vid=39UFI_V1&inst=39UFI&collectionId=81216459660003299).

Lo studio dei disegni di Gatti (figg. 1-2) e delle tavole Milani è presentato nella mostra virtuale Insegnare antichità con il disegno. Luigi Adriano Milani e Augusto Guido Gatti al R. Istituto di Studi Superiori di Firenze (https://mostre.sba.unifi.it/milani-gatti/?pageId=1), che propone alcuni possibili percorsi di lettura di un così ricco repertorio iconografico e un profilo dei due protagonisti (figg. 3-4). È infatti proprio grazie alla stretta collaborazione tra Adriano Milani e Guido Gatti, in servizio presso il Museo e la Soprintendenza fiorentini, che è stata possibile la realizzazione di un tale strumento didattico, verosimilmente ispirato ai più noti Wiener Vorlegeblätter für Übungen. Questi ultimi, pubblicati dal 1888 al 1891, raccoglievano riproduzioni di opere d’arte antica in tavole di grande formato da utilizzare durante seminari ed esercitazioni universitarie (https://doi.org/10.11588/diglit.31989#0010).

La mostra Insegnare antichità con il disegno, promossa dall’Università degli Studi di Firenze, Sistema Bibliotecario di Ateneo, Biblioteca Umanistica, è stata predisposta con il supporto di MOVIO, il kit open source per la realizzazione di mostre virtuali online messo a punto dell’ICCU, Istituto Centrale per il Catalogo Unico del Ministero della Cultura italiano. La progettazione e realizzazione si deve a Cecilia Ciatti, Lucrezia Cuniglio, Gabriella Migliore, Susanna Sarti e Andrea Urbini con il contributo fotografico di Giovanni Martellucci; la redazione dei testi è a cura di Cecilia Ciatti, Lucrezia Cuniglio, Susanna Sarti e Floriana Tagliabue.

Lucrezia Cuniglio, Susanna Sarti

 

1 – Disegno di A.G.Gatti – Vetulonia

 

2 – Disegno di A.G. Gatti – Vetulonia

 

3 – MOVIO – Pagina iniziale

 

4 – MOVIO Homepage

 

Didascalie immagini:

  1. Pianta di strato dallo scavo della Tomba del Tridente di Vetulonia (A.G. Gatti, Archivio privato).
  2. Disegno di due fibule a sanguisuga da Vetulonia, Poggio alla Guardia, 1905 (A.G. Gatti, Archivio privato).
  3. Pagina iniziale della mostra. Disegno, da una tavola didattica, del cratere attico a figure rosse al Museo Civico di Bologna: G. Pellegrini, Catalogo dei vasi greci dipinti delle necropoli felsinee, Bologna 1912, n. 230; Beazley Archive Pottery Database n. 205666.
  4. Home page della mostra.

OpenEdition vous propose de citer ce billet de la manière suivante :
L'équipe du CeTHiS (16 juin 2022). Movio – Una mostra virtuale. Copies Didactiques. Consulté le 18 juillet 2024 à l’adresse https://doi.org/10.58079/vmq9


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search